English (United Kingdom)Italian - Italy

Il borgo

spaimage

Il BORGO.

 

A Semproniano la storia dimora in ogni pietra, in ogni via che intimamente si snoda lungo l’antica borgata; lontani profumi, intensi colori, delicati suoni accompagnano il visitatore in un'esperienza unica da vivere immersi
nel calore delle nostre dimore.

LA STORIA.

La storia di Semproniano è una storia antica, che nasce nel periodo della Repubblica Romana, quando La famiglia del tribuno della plebe Tiberio Sempronio Gracco, scappata da Roma a seguito della congiura contro Muzio Scevola, fondò in questo aspro sperone di travertino, il primo nucleo abitativo, Casale Simpronianum, così chiamato in onore dell’eroico patriarca.

Intorno all’anno mille furono gli Aldobrandeschi, nobile famiglia di origine longobarda, a guidare le sorti di Semproniano, conferendogli in parte la genesi architettonica ancora oggi visibile in alcuni importanti monumenti quali parti delle mura di cinta e la sovrastante Rocca sulla parte sommitale del poggio, La chiesa di Santa Croce, la Pieve di San Vincenzo e Anastasio, il palazzo Civico.

Nel corso dei secoli il paese visse alterne vicende che lo videro coinvolto negli scontri fra i reggenti Aldobrandeschi e gli Orsini, rivali signori della vicina contea di Sovana.

Verso la metà del Trecento il paese si sottomise a Siena, rimanendo così nel territorio della Repubblica fino al Cinquecento, epoca in cui venne conquistato temporaneamente dagli Spagnoli prima di entrare definitivamente nel Granducato di Toscana.
Seguì un lungo periodo di abbandono e decadenza, tanto che il centro venne successivamente inglobato per molto tempo nel vicino Comune di Roccalbegna, fino a divenire autonomo il 29 gennaio 1963.

Semproniano vanta, se pur in fasi alterne, un passato nobile reso famoso da personaggi illustri come il suo fondatore, Tiberio Sempronio Gracco, la cui figura è legata all’importante legge agraria, quale prima grande riforma a difesa della plebe, e dai cavalieri dell’Ordine dei Templari che in queste terre dimorarono lasciando testimonianze importanti, fatte di gesta ed imprese coperte da un aurea di leggenda e mistero.

In tempi recenti, il nome di Semproniano è legato a due importanti personaggi, entrambi di qui originari, che con il loro operato hanno contribuito a diffondere l’immagine dell’Italia nel Mondo: Vico Consorti, poliedrico e geniale scultore, autore della “Porta Santa” nella basilica di San Pietro a Roma e Mario Luzi, poeta e scrittore, la cui memoria è ricordata nella basilica di Santa Croce a Firenze insieme alle spoglie dei grandi della storia del nostro Paese.


Il Borgo di Sempronio nell'ADI

 

 

© 2011 Il Borgo di Sempronio. Tutti i diritti riservati. Webmaster: Eugenia Benelli

Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione. Proseguendo, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies Policy.
This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies. To find out more o to deactivate the cookies please visit our Cookies Policy (versione italiana | English version).

Accetto i cookies di questo sito | I accept the cookies from this website